arredo dei piccoli spazi verdi – esperienze a Fano (PU)

La gestione del verde urbano riguarda non solo parchi e giardini ma anche piccoli spazi verdi costituiti da aiuole spartitraffico. Queste aree, anche se ricoperte da un semplice tappeto erboso, richiedono un elevato livello di manutenzione perché la loro trascuratezza risalta immediatamente. D’altro canto, sistemando gli spartitraffico con piante ornamentali, i costi di impianto e di manutenzione sono molto maggiori poiché fiori e arbusti rinchiusi nel cemento dei cordoli, attorniati dall’asfalto e logorati dal traffico continuo, non trovano certo condizioni di vita ideali.
Per questi motivi si ricercano soluzioni che contemperino un livello di costi accettabile con un aspetto che sia costantemente decoroso anche in situazioni estreme per i vegetali come quelle rappresentate dalle aiuole stradali.

A questo proposito una nuova tecnica è stata messa a punto da un consorzio di imprese torinesi specializzate nel verde e, testata finora soltanto in Piemonte, è stata applicata per la prima volta in ambienti diversi anche a Pesaro: si tratta di un pacchetto completo, rappresentato cioè da un substrato speciale e da particolari specie vegetali, che consente di ottenere un discreto effetto ornamentale mantenendo un livello di manutenzione basso o addirittura nullo una volta ottenuto l’attecchimento delle piante. In futuro questa soluzione, per il momento realizzata a titolo sperimentale, potrà essere riproposta un po’ dovunque come alternativa alle sistemazioni tradizionali per ottenere, a fronte di dell’investimento iniziale, un risparmio durevole in termini finanziari e un effetto ornamentale costante nel tempo.

Il delegato
Fulvio Tosi

Lascia un commento