Emozioni e impressioni all’Assemblea nazionale di Napoli

VEDI NAPOLI E POI MUORI….
Dice una canzone. Eppure è stato un incontro così ricco di emozioni, di simpatia e cordialità che penso rimarrà a lungo nel ricordo di molti.
Napoli è tutto e il contrario di tutto e così, se vogliamo, anche il nostro convegno nel senso che molti sono stati gli spunti interessanti ( come sempre d’altronde quando ci si confronta tra colleghi e realtà diverse) molti gli argomenti appena accennati che meritavano un approfondimento maggiore (mancanza rimarcata da più di uno di noi) molte le bellezze di Napoli da vedere a cui, a malincuore, abbiamo rinunciato. E tutto perché il tempo è sempre troppo poco per tutto quello che vogliamo fare, vedere, approfondire.
Tanti possono essere i rimpianti o, per i più critici, che ci sono sempre, il disappunto per qualcosa che si voleva approfondire di più ma quello che sicuramente nessuno può negare è stata la simpatia e l’attenzione con cui è stata curata l’accoglienza da parte dei colleghi campani ( ci hanno dato letteralmente il cuore… come nella migliore tradizione napoletana).
Sarà che per me è stata una delle prime esperienze vissute a livello nazionale, ma ho provato veramente l’orgoglio di appartenere ad una nazione come l’Italia che ha una diversità ed una ricchezza di culture, ambienti, paesaggi, monumenti tale da lasciare veramente a bocca aperta; questa potenzialità e ricchezza si percepisce anche all’interno dell’Associazione, nel confronto tra colleghi e realtà spesso agli antipodi ma comunque in grado di arricchire e motivare il nostro bellissimo ma anche faticoso lavoro.
Ne vale sempre la pena. Grazie a tutti.

Lascia un commento