Faenza Giardini di Natale 2018-2019 Convegno 18 gennaio: “BOSCHI URBANI: PROGETTI DI PAESAGGIO TRA NECESSITÀ EMERGENTI E NUOVI PARADIGMI DI SOSTENIBILITÀ”

Il Servizio ambiente e manutenzione del verde della Romagna faentina nell’ambito dell’evento Giardini di Natale, organizza il convegno:

‘BOSCHI URBANI: PROGETTI DI PAESAGGIO TRA NECESSITÀ EMERGENTI E NUOVI PARADIGMI DI SOSTENIBILITÀ.

Relatrice della serata sarà Anna Letizia Monti; agronomo, Dottore di Ricerca in ‘Studio e Progettazione del Paesaggio’. Si occupa della progettazione di parchi e giardini; interventi di restauro e valorizzazione di giardini storici e siti archeologici; riqualificazioni paesaggistiche di aree marginali; studio e conservazione attiva del paesaggio rurale. Lavora come libero professionista, operando in Italia e all’estero per Pubbliche
Amministrazioni, Enti, Associazioni e committenti privati. E’ stata Presidente Nazionale di AIAPP (Associazione Italiana Architettura del Paesaggio) dal 2012 al 2016, dopo esserne stata Vicepresidente dal 2009 al 2012.

Il convegno si terrà presso la Sala Convegni del Museo Internazionale delle Ceramiche (Viale Baccarini 19, Faenza), Venerdì 18 gennaio ore 18.

Di seguito una breve presentazione dell’intervento:

In origine era la foresta, luogo incontaminato e sconosciuto. Poi fu il bosco, primo esempio di domesticazione della natura da parte dell’uomo. Il giardino è sinonimo di luogo domestico, totalmente voluto, realizzato e dominato dall’uomo. In alcune culture, come quella italiana, il bosco (e quindi gli alberi) sono sempre stati guardati con rispetto, ma anche con timore, per retaggi ancestrali che lo identificano spesso come luogo selvatico e insicuro. Ora la necessità di alberi, in formazioni massive anche in città è una necessità imprescindibile: non è sufficiente realizzare giardini e parchi in cui dominano grandi prati e arbusti, aree lastricate e sentieri, ma sono necessarie anche grandi quantità di specie arboree per migliorare il clima e la qualità dell’aria delle città. Da qui la necessità di progetti di paesaggi urbani e peri-urbani in cui gli alberi siano cardine e fulcro. Progetti calibrati, ponderati, inseriti nel contesto. Progetti in cui gli alberi non siano selva di smarrimento e paura ma bosco sacro o foreste narrative; per accogliere e custodire racconti, idee e culture. Verranno presentati alcuni casi emblematici di realizzazioni paesaggistiche contemporanee, che rispondono alle necessità emergenti e che rispondono a nuovi paradigmi funzionali per le città e per i suoi abitanti.

La serata sarà organizzata grazie al contributo di AXOGROUP s.r.l. specializzato nel trasformare prodotti tradizionali in macchine a basso impatto ambientale per agricoltura, giardino e industria.

Vi aspettiamo numerosi!

Lascia un commento